martedì 2 maggio 2017

POP ART

Negli anni Sessanta, diversi artisti americani ed europei smisero di considerare l'arte come un mezzo per esprimere se stessi, scegliendo di rappresentare oggetti e immagini popolari tratti dalla vita quotidiana. nella società contemporanea, infatti, l'individuo ha perso importanza poichè è inglobato nella massa indifferenziata dei consumatori, si è cioè imposto un nuovo stile di vita basato sul rapido consumo delle merci e miti collettivi che gli artisti hanno voluto documentare dando vita al movimento della POP ART (da popular art, arte popolare) 
I protagonisti delle opere d'arte pop sono in alcuni casi alimenti e prodotti diffusi e pubblicizzati a quell'epoca che, isolati dal contesto abituale e riprodotti con varie tecniche o ingigantiti, sono trasformati in SIMBOLI DELLA VITA MODERNA, ma anche immaginilegate al mondo del cinema o ai fumetti.
ROY LICHTENSTEIN nelle sue opere ha riprodotto in modo fedele particolari di fumetti famosi, ingrandendoli come per renderli monumenti.






Andy Warhol

ANDY WARHOL è stato il più importante ed eccentrico artista della pop art americana, ha iniziato la sua attività come pubblicitario per dedicarsi poi alla pittura, alla fotografia e al cinema, fondando a New York la Factory, ossia un centro di produzione artistica per accogliere giovani artisti.
Warhol ha riprodotto ripetutamente con diverse tecniche, soprattutto attraverso la serigrafia, alcuni prodotti famosi o volti di personaggi celebri, come ad esempio il viso dell'attrice Marilyn Monroe. Il soggetto spesso ingrandito o deformato nei contorni e nei colori, compariva al centro della tela, oppure era ripetuto in una sorta di lungo fotogramma di immagini al tempo stesso uguali e diverse, banalizzate dalla ripetizione ma anche rese "eterne" dall'intervento dell'artista.









Jasper Johns

Nessun commento:

Posta un commento