mercoledì 18 novembre 2015

UNESCO

L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) è articolata in una decina di istituzioni intergovernative che si dedicano ciascuna ad un determinato settore dell'economia, della società e della cultura.
L'UNESCOOrganizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura – è una di queste istituzioni, specializzata nella conservazione del Patrimonio culturale e naturale mondiale.




L'UNESCO nasce il 4 novembre 1946 a Parigi, ancora oggi sede centrale, dopo che alcuni Stati si erano già riuniti più volte durante il periodo fra le due guerre mondiali, per decidere le linee generali di una possibile cooperazione per la ripresa culturale postbellica. L'8 novembre 1947 viene ammessa l'Italia.


Gli Stati che aderiscono all'UNESCO si devono impegnare alla realizzazione di una politica comune,
al fine di assicurare la protezione del proprio patrimonio naturale e culturale.
Per patrimonio culturale si intende
un monumento, un gruppo di edifici o un sito di valore storico, estetico, archeologico, scientifico, etnologico, antropologico.
Il patrimonio naturalistico, invece,
indica territori con con rilevanti caratteristiche fisiche, biologiche e geologiche,
nonché l'habitat di specie animali e vegetali in pericolo
e aree di particolare valore scientifico ed estetico.

Il patrimonio naturale e culturale delle nazioni rappresenta l'eredità del passato
di cui noi oggi beneficiamo
e che dobbiamo trasmettere alle generazioni future.



Sulla base di un trattato internazionale conosciuto come Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale, culturale e naturale, adottato nel 1972, l'UNESCO ha finora riconosciuto 830 siti
(644 beni culturali, 162 naturali, 24 misti)
presenti in 138 Nazioni del mondo
attualmente l'Italia è la Nazione che detiene il maggior numero di siti inclusi nella lista.

I siti del patrimonio mondiale appartengono a
tutte le popolazioni del mondo,
al di là dei territori nei quali sono collocati.
















Nessun commento:

Posta un commento